Trump si appresta a fare l’utile idiota al servizio dell’Elite?

SINTESI – LA DATA DEL 6 LUGLIO 2018 RISCHIA DI PASSARE ALLA STORIA COME L’INIZIO DELLA I GUERRA COMMERCIALE GLOBALE (CHE SCONVOLSE IL XXI SECOLO).
SE CINA ED EUROPA RENDERANNO PAN PER FOCACCIA ALLE MOSSE DELL’AMMINISTRAZIONE TRUMP E SE NON CI SARÀ UNA RAPIDA E RECIPROCA DEESCALATION, L’INTERO MONDO SI POTREBBE TROVARE PRESTO IN UNA RECESSIONE ECONOMICA MAI VISTA PRIMA, CHE INNESCHEREBBE A SUA VOLTA UN CROLLO DA RECORD DEI MERCATI FINANZIARI.
UN ERRORE STORICO DEL FOCOSO TRUMP? FORSE, MA POTREBBE INVECE ESSERE UNA (DIABOLICA) MISSIONE A LUI AFFIDATA.

Qual’è il vero Trump: quello dell’America first e del dialogo con la Russia o quello della guerra dei dazi ad Europa e Cina?

Nei miei articoli sulla neo presidente Trump intravedevo e mi auguravo che il nuovo inquilino di Washington fosse l’interprete ed il portavoce della fazione meno oltranzista e guerrafondaia del gruppo di potere finanziario-politico di Washington. Il fronte opposto a quello rappresentato dalla Clinton.

Non certo una rivoluzione o un’opera umanitaria, più semplicemente un parziale cambio di strategia teso a rinnovare la leadership americana sancita 75 anni fa dalla vittoria della Seconda Guerra Mondiale.

Il pittoresco presidente manifesta la volontà di a) rilanciare l’economia produttiva americana (America first) e b) sul piano geopolitico ridimensionare il ruolo imperialista yankee dei suoi predecessori, anche attraverso una sorta di alleanza con la Russia. Che avrebbe anche l’effetto di contenere la Cina sul piano militare e delle risorse energetiche.

È chiaro infatti che in una lotta a 3, se due si saldano in un’alleanza mettono automaticamente in difficoltà il terzo. Lo stesso principio varrebbe se si alleassero Russia e Cina, per gli USA sarebbe un gran brutto colpo. Potrà sembrare semplicistico, ma le forze sotterranee della geopolitica sono talvolta più lineari e semplici di quello che sembra in superficie. Continua a leggere

Un po’ di storia sull’Elite invisibile del Mondo Occidentale.

Come nasce storicamente il controllo della Moneta di Stato da parte della Finanza Privata

Negli ultimi articoli che ho pubblicato, sostengo la tesi – certamente non originale ma che cerco di studiare e documentare – secondo la quale il nucleo di potere del mondo occidentale sarebbe composto da un ristretto numero di famiglie/dinastie finanziarie, che hanno il controllo della Moneta di Stato, oltrché naturalmente quello del sistema bancario. Si tratta di un processo storico secolare, che risale addirittura al periodo medioevale e che vede il suo graduale consolidamento tra il 18° e 20° secolo. Questo articolo è un tassello che aggiungo al mio personale puzzle della struttura del Potere Occidentale.

Pietro Ratto ha condotto una indagine approfondita della storia della dinastia che sembra essere al vertice della Élite del Denaro – quella dei Rothschild – ricostruendone il percorso dalla nascita (circa metà del 1700) fino alla prima parte del 1900. Nel corso dell’ultimo secolo invece il nome Rorthschild (come pure quello delle altre grandi famiglie della finanza) scompare dietro un muro di società, incroci azionari, società di comodo, trust, paradisi fiscali, matrimoni d’interesse, ecc. Ma lascio la parola a lui.

Continue reading

Diamo la parola al “nemico” Putin

Come è diverso il nostro mondo, visto da Est ….

Immagine correlataTutti gli anni il forum economico di San Pietroburgo è, teoricamente, l’occasione per ascoltare la versione di Putin – la “grande minaccia per l’Occidente e l’Europa” – sui rapporti con il resto del mondo e, in particolare, con gli Stati Uniti d’America.

Di fatto c’è invece da parte del cartello mediatico occidentale una sostanziale censura, ma possiamo rivolgerci a Youtube e provare ad uscire dalla cappa della informazione nostrana.

1 – L’intervista flop della star televisiva americana Megan Kelly.

Questa video è di due mesi fa. Megan Kelly, anchorwoman di grido della NBC americana, intervista, tra gli altri, Putin al dibattito plenario pubblico del forum di Pietroburgo.

Ci sono i sottotitoli in italiano, non anticipo e non commento nulla. Bisogna solo seguire i 6 minuti e mezzo del botta e risposta. In certi momenti esilarante, tanta è “l’ingenuità” yankee (OK, mi è scappato un piccolo commento)

Continua a leggere

Perché Macron ha vinto. E un consiglio a Monsieur le Président.

Perché ha vinto.

Francia
La sconfitta 34-66 della candidata del Front National è nettissima, il mio augurio che vincesse Marine Le Pen è andato deluso. Il cambiamento radicale proposto da Marine Le Pen ha convinto un elettore su 3, due hanno optato per la conservazione, infiorata da un’aurea di rinnovamento dall’abile dialettica di Emmanuel Macron.

La vittoria del candidato “sorpresa” – in realtà è un attore di un film scritto e diretto da altri – si spiega dal punto di vista politico con due elementi su tutti: 1) la crisi dei partiti tradizionali, dai quali si è abilmente e tempestivamente smarcato (più probabilmente gli è stato suggerito/ordinato) 2) la formazione di un fronte compatto anti Le Pen degli sconfitti repubblicani, socialisti e parte dei comunisti per sostenere il “nuovo” che avanza. Una bella commedia alla francese.

Ma non basta per spiegare l’entità della sconfitta, c’è stato qualcos’altro che, insospettito e stimolato dall’esito della votazione, ho scoperto quando a posteriori sono andato a vedere su Youtube il dibattito Macron-Le Pen di mercoledì scorso. Continua a leggere

Le distorsioni e falsità dei Servizi Segreti e dei Media-La guerra in Iraq

LA GUERRA IN IRAQ (E QUELLA IN SIRIA): I MEDIA OCCIDENTALI, LE VERE ARMI DI DISTRUZIONE (MENTALE) DI MASSA

Riprendo qui una vicenda che vi potrà sembrare lontana, ma è invece di estrema attualità per come fu trattata e diffusa dai media e inculcata nelle menti dei popoli occidentali, tecniche utilizzate quotidianamente anche per la attuale guerra in Siria. Quella in Iraq, presentata come “l’esportazione della democrazia e la guerra contro il terrorismo” doveva in realtà servire – come sostengo in fondo a questo articolo – ad avviare la decisiva offensiva anglo-americana del XXI secolo per rimodellare (come prefigurato decenni prima) il quadro geo strategico del Medio Oriente, opera in pieno svolgimento con l’utilizzo anche dei metodi più sporchi, incluso a pieno titolo il terrorismo e l’estremismo islamico. 

Anno 2003 – Nel febbraio di quell’anno Colin Powell (allora Segretario di Stato) denunciò in un discorso tenuto all’ONU le armi di distruzione di massa in possesso di Saddam Hussein, mostrando una fialetta di Antrax. L’intero mondo occidentale (politici e soloni dell’informazione in testa) accettò quella denuncia senza sollevare dubbi. Nel marzo del 2003 l’America di Bush figlio iniziò la seconda guerra in Iraq, che da allora non è ancora terminata.

Continue reading

Gli USA spiano tutti, ma il problema sono gli hacker russi.

Ecco un esempio di manipolazione dell’ informazione di massa, della categoria “Sminuisci e Affossa”
Risultati immagini per yes we can tapping obama

All’inizio di marzo è uscita una notizia bomba, i cui effetti sono stati ridotti a quelli di un petardo dall’intero blocco mediatico occidentale, che le ha dato pochissimo risalto per poi archiviarla velocemente.

Mi riferisco alle rivelazioni shock di Wikileaks sulle “moderne” tecniche di spionaggio di massa della CIA su scala mondiale, (che si affiancano a quelle “classiche” ma sempre più sofisticate), reso possibile dalla crescente  “intelligenza” dei sistemi operativi e dei software non solo degli smartphone e dei computer, ma anche delle smart TV. Microsoft, Samsung, Apple, Google, Twitter ecc. detengono il controllo di questi mercati mondiali e, volenti o nolenti, permettono alla CIA – un mostro che vive ormai di vita propria con budget di miliardi di dollari e condotta da personaggi a dir poco ambigui – di penetrare nella sfera privata e pubblica di chiunque ritenga sia da sorvegliare ed eventualmente condizionare (o eliminare). La giustificazione è la lotta e la prevenzione del terrorismo? Forse lo è, ma solo in parte, perché gli americani, sulla base di questo pretesto, vanno ben al di là.

Continue reading

Siamo alla vigilia di una guerra mondiale? – Seconda parte

I diversi scenari possibili. Qual’è quello più probabile? Uno schema di analisi

Risultati immagini per basi nato nel mondo mappa

Intanto aggiorno subito, dopo la vittoria di Trump, il mio personale Bollettino di guerra che avevo espresso alla vigilia delle elezioni americane nella prima parte di questo post.

Prima della (non eccessivamente) sorprendente vittoria di Trump il mio Indice di uno scontro diretto tra NATO/USA e Russia era a livello 40-45%, con la possibilità di un balzo oltre il 50% nel caso di vittoria del clan Clinton.

Oggi, alla luce del risultato elettorale, la mia valutazione scende intorno al 25%, perché voglio dare credito alla promessa del neopresidente di riavviare un serio colloquio con la Russia. Nei prossimi mesi/anni vedremo se i fatti andranno in quella direzione o no, traducendolo in un corrispondente aggiustamento del mio Bollettino.

Questo abbattimento dell’Indice è doppiamente benvenuto. Infatti uno scontro militare a due, tra USA e Russia, pur se originato in una area da noi lontana (per esempio Siria, o Ucraina), comporterebbe l’alto rischio del coinvolgimento dell’Europa filo americana. Dalla fine della guerra mondiale il Vecchio Continente è infatti un feudo militare di Washington imbottito di basi NATO, peraltro in fase di aggressiva espansione. Difficile immaginare che ne potremmo restare fuori.

C’è poi l’altro possibile scenario di guerra, che vede il coinvolgimento anche del terzo gigante geo politico, cioè la Cina, in un conflitto che sarebbe di dimensioni mondiali. Per questo secondo scenario il mio indice, che prima dell’elezione di Trump era intorno al 10%, è sceso adesso al 5%. Nell’ultima parte del post illustrerò i motivi della grande differenza tra i due indici.

Continua a leggere