Il ballo di Matt Hardey.

 

Matta Hardey Questo ragazzo americano ha inventato e realizzato uno show molto speciale e con il solo aiuto della sua ragazza. Premesso che il filmato non è una novità (è del 2008), ci presenta comunque il successo di un giovane creativo e intraprendente, che ha saputo sfruttare appieno le potenzialità comunicative della rete.

Matt ha realizzato questo spettacolo coinvolgendo interpreti sconosciuti e di tutte le età, andando nelle più svariate parti del mondo. E’ un ballo ridicolo, un po’ assurdo e liberatorio. Continua la lettura….

Puccini, Pavarotti e l’Italia.

Giacomo PucciniLuciano Pavarotti e Giacomo Puccini, due tra gli artefici della nostra immagine all’estero, sono “accomunati” in questa esibizione del 1994 a Los Angeles.

Si tratta della romanza “Nessun dorma”, dalla Turandot di Puccini, opera ambientata in una Cina imperiale di fantasia, la cui trama vive della lotta e compenetrazione tra odio e amore. Il brano interpretato da Pavarotti rappresenta il  momento in cui il personaggio Calaf canta la sua certezza di vincere l’odio di Turandot trasformandolo in amore e, a tal fine, ha persino messo in gioco la sua stessa vita.

La parte finale della romanza (“Dilegua o notte! Tramontate, stelle! All’alba vincerò! Vincero!”) potrebbe essere il canto simbolico di noi italiani che ci impegniamo per uscire dalla buia situazione in cui ci siamo cacciati.

Ritrovate l’esibizione di Pavarotti nel menù del blog alla sezione “Top video” , che raccoglie i filmati che non invecchiano mai.

Forse potrà anche interessarti:
+ Il nostro petrolio e i giovani (13-01-2012)

Donne e uomini.

Migone a ZeligL’argomento di questo post può essere affrontato da diversi punti di vista: storico-antropologico, biologico, sociale, neurologico e chi più ne ha più ne metta.

Rimandiamo ad altra occasione tutti questi approcci seri ed impegnativi, che sostituiamo invece con questo frizzante e spassoso mini-video di Paolo Migone, che si esibisce in una delle sue performance più riuscite.

Cliccate questo link. Video Migone all’Ikea.  Ciao!

P.S. Mi rendo conto che in questa esibizione Migone esprime il punto di vista dell’uomo-Marte. Prometto che cercherò il pendant che dia voce a quello della donna-Venere!

Steve Jobs alla Stanford University nel 2005.

Stay hungry, stay foolish.

Anche se già ampiamente noto, vale la pena  di presentare questo video del 2005 con il discorso di Steve Jobs ai laureandi della Stanford University, nel corso del quale, prendendo spunto dalla sua esperienza di vita, esprime comunque concetti che non hanno data.

Intendiamoci, Steve Jobs è’ un businessman e non un santo, ha certamente commesso errori e non è esente da colpe. Ma come imprenditore  nessuno come lui ha saputo leggere ed interpretare il bisogno di comunicare, in particolare dei giovani. Si è messo nella testa degli altri ed ha modellato la tecnologia e il design di conseguenza, con la semplicità d’uso come linea guida e facendo affidamento sull’intuitività della mente umana.

All’epoca di questo discorso, Steve Jobs è nel pieno del successo e della maturità della sua vita. Vita certamente non semplice, sfiorata recentemente dal soffio della morte, che ha avuto la fortuna e la forza di respingere. Sarà anche per questi motivi, ma dà l’impressione di avere un forte equilibrio e una grande forza interiore, che cerca di trasmettere ai laureandi di Stanford e, attraverso loro a tutti i giovani.

Il discorso è semplice e diretto, un magnifico esempio del “make it easy” americano.