Un po’ di sana pazzia.

Visto che viviamo tempi di emozioni forti…..

Jetman in azioneSarà il frutto della tecnologia moderna, sarà perchè, da buon svizzero, è preciso e organizzato, ma c’è anche un pizzico di sana pazzia in questo “hobby” di Yves Rossy (53 anni). Fatto sta che è diventato quello che vedete nella foto, cioè Jetman. La sua passione per il volo nasce dal fatto di essere pilota d’aereo – prima militare e poi civile -, esperienza allargata alla pratica di sport estremi ad alta quota (lanci con il paracadute, mongolfiere, skysurf, passeggiate sulle ali di aeroplani in volo, ecc.). Nel 2004 ha avviato il progetto Jetman, prendendosi cura direttamente del cuore del discorso, cioè lo sviluppo tecnico del gruppo ali-4 motori mini jet-paracadute.
Adesso indossa con nonchalance la tuta ignifuga e il casco, applica le ali al carbonio sulla schiena a mo’ di zaino, viene trasportato ad alta quota e voilà, si butta per sfrecciare a 300 km. all’ora cabrando, virando o scendendo in picchiata con il semplice movimento della testa o delle braccia! Rossy pensa anche di essere il pioniere di un nuovo modo di volare che in futuro si diffonderà. Sarà, ma intanto godiamoci le emozioni che ci offrono i video delle sue imprese.

Questo primo video è del 5 novembre 2010 e ci mostra un passaggio importante della “carriera” di Jetman, cioè il primo loop (giravolta) che è riuscito a compiere in cielo, grazie ad importanti modifiche apportate alle ali e sperimentate con successo in questo volo.

Il prossimo video (28 novembre 2011) lascia senza parole, una specie di gara tra l’Uomo Volante  e …. 2 jet!

L’ultimo video è una sintesi dell’attraversamento della Manica che ha effettuato nel 2008. Da notare che Jetman può volare per circa 10 minuti, a velocità compresa tra  200 e 300 Km/ora, e che la Manica è larga circa 32 Km. Non è al pelo, ma quasi …. (in almeno un’occasione gli è capitato di essere ripescato in mare!)

Il sito di Yves Rossy è www.fusionman.ch

Forse ti potrà anche interessare:
+ Cos’hanno in comune Van Gogh, Petros Vrellis e Olga Kulakova? (11-02-2012)
+ L’ottimismo in versione Jovanotti (17-12-2011)
+ Steve Jobs alla Stanford University nel 2005. (02-09-2011)

2 thoughts on “Un po’ di sana pazzia.

  1. Mr. Jetman mi sembra un soggetto moooolto interessante da studiare … in compenso il video del Gabon è semplicemente stupendo: fa sognare di essere lì!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.