Maledetti comunisti!

Napolitano e BerlusconiStai a vedere che, ancora una volta, l’Italia stupisce il mondo! Questa settimana stiamo finalmente e rapidamente uscendo dalla situazione di stallo in cui siamo impaludati da mesi e, per di più, sono in corso sviluppi inattesi!

La rapida sequenza dei fatti degli ultimi 3 giorni:

  1. Berlusconi ha annunciato le dimissioni, che diventeranno effettive non appena saranno approvate le misure economiche di (parziale) rilancio, richieste da UE, FMI, G20 e attese da settimane.
  2. Il giorno successivo il mondo ha giudicato un pateracchio queste dimissioni “congelate”, ha anche visto buio per il dopo-dimissioni e il mercato dei Btp è crollato a livelli pre-default.
  3. Parlamento e Senato si sono impegnati ad approvare la manovra, presentata finalmente da Tremonti ieri (ma se la teneva nel cassetto?), entro domenica (entro 3 giorni!!).
  4. Napolitano ha nominato ieri Mario Monti senatore a vita indicandolo, in attesa delle dimissioni di Berlusconi, come futuro incaricato per tentare di formare il nuovo governo.
  5. Berlusconi da ieri non vede più le elezioni anticipate come unica strada del dopo-dimissioni, ma con una grande e improvvisa virata ammette che, data la situazione di mercati, un governo “tecnico” guidato da Monti è la soluzione migliore. Di conseguenza anche il Pdl sta dibattendo se concedere la fiducia a tale governo.

Siamo ancora alle mosse preliminari, ma se andiamo indietro anche solo di una settimana sembra un racconto di fantapolitica! Come si può spiegare tutto ció? Visto che stiamo vivendo un momento speciale, propongo nel seguito una risposta altrettanto speciale a questa domanda.

Il pivot intorno al quale è ruotata finora la situazione è Berlusconi e quindi partiamo da lui.

Martedí, dopo aver constatato che non aveva piú la maggioranza alla Camera ha dichiarato di non voler lasciare e la motivazione principale, a mio avviso, era il mantenimento della posizione privilegiata di Primo Ministro per poter validamente fronteggiare gli attacchi dei magistrati comunisti. Ma poi ha improvvisamente cambiato idea ed ha annunciato le future dimissioni. Chi o cosa lo ha convinto?

E qui spunta un altro comunista : Napolitano, con il quale Berlusconi ha avuto nelle ultime settimane numerosi incontri, l’ultimo dei quali a 6 occhi (con loro c’era solo Letta).

Questa é la mia ipotesi ardita : non sarà mica che il nostro Presidente, pur di “togliere di mezzo” Berlusconi e di rendere possibile un governo di unità nazionale, si sia “impegnato” a procuragli un “salvacondotto” giudiziario, come , per esempio, senatore a vita?

Sarebbe, da parte del nostro Presidente della Repubblica, un atto di realpolitik, la cui applicazione può portare a dei paradossi inimmaginabili.
Sará un caso, ma Berlusconi non perde occasione per attestare la sua totale fiducia in Napolitano (per quello che valgono le dichiarazioni di Berlusconi, potrebbe dire qualcuno … ).

Ma c’è un altro fatto molto particolare accaduto in questi giorni infuocati. Improvvisamente Berlusconi ha lasciato Roma per andare a Milano e incontrare i suoi figli, Confalonieri e l’avvocato Ghedini. Ha voluto informarli di questa “proposta” di Napolitano e sentire il loro parere? Può essere sempre fantapolitica, mA è verosimile pensare che abbiano valutato insieme le possibili conseguenze sulle aziende di famiglia di un tracollo dell’Italia, preoccupazione che fa il pari con la vulnerabilitá giudiziaria per il nostro.
Ed é presumibile che abbiano concluso che un’Italia in caduta verticale con Berlusconi pervicacemente capo del governo sarebbe un danno irreversibile per le sue imprese. Invece, lasciare adesso giocando il ruolo del sacrificato per il bene dell’Italia, gli darebbe un vantaggio, qualsiasi sia l’esito dell’azione di Napolitano e del possibile nuovo governo.

Vedremo gli sviluppi della situazione e quanto l’ardita ipotesi del comunista Napolitano salva-Berlusconi nei confronti dei magistrati comunisti-mangia-Silvio sia campata per aria.

Forse ti potrebbe anche interessare:
+ Senza parole (08-04-2012)
+ Dal “Ghe pensi mi” al “Tocca a te!” (23-12-2011)
+ La durata del Governo Berlusconi (20-10-2011)

2 thoughts on “Maledetti comunisti!

  1. Concordo con l’analisi sui motivi dei cambiamenti improvvisi di parere…..Per quanto riguarda la nomina ipotizzata di senatore a vita di Silvio.. lui sarà contento di certo, ma i figli forse gli chiederanno di non mollare la politica..loro non sono inclusi nel salvacondotto !

    • E beh, a meno che Silvio non sia immortale, mi sa che ad un certo punto, se vorranno continuare a difendere i loro interessi “usando” la politica, dovranno farlo loro direttamente.
      Il Prof

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.