La penna di Francesca blogger.

Il blogger: caratteristiche, abitudini e habitat naturale.

Ff che dipingeIn un precedente post ho presentato Francesca Ferrari, pittrice e blogger, dando prevalente risalto alla sua pittura. Questa volta ve la propongo in formato blogger, attraverso un suo articolo scritto nel 2005 che ho avuto occasione di leggere recentemente. E’ un bell’esempio della capacità creativa della sua penna, una parodia di uno “documentario” di storia naturale – alla Piero Angela prima maniera – sulla figura del Blogger, che viene assimilato ad una specie del mondo animale. Divertente ed autoironico.

Martedì, ottobre 18, 2005

Documentario-Il blogger: caratteristiche, abitudini e habitat naturale

Il blogger (blog blogger) è la più grande specie dell’ordine degli Internauti Vertebrati. Fa parte della famiglia dei cosiddetti Scrittori Postatori. I maschi generalmente non superano, in età adulta, i due metri di altezza, mentre le femmine difficilmente raggiungono il metroeottanta. Nonostante l’altezza e l’aspetto elegante, è raro vederli in posizione eretta, per lo più si possono ammirare in posizione clinograda, sulla loro tastiera, posizione che, a lungo andare, conferisce al blogger una caratteristica deambulazione che ne facilita il riconoscimento, quando si mescola alle altre razze. Il blogger è spesso, ma non sempre, dotato di una notevole intelligenza che lo distingue dagli antenati: i chattatori. Alcuni bloggers, diventati famosi per la loro sagacia ed arguzia, attualmente sono oggetto di studi da parte di ricercatori interessati a studiare e capire il motivo del loro successo. I bloggers sono esseri sociali che vivono in branchi, composti in genere da una ventina di individui; esistono comunità che raggiungono anche le cento adesioni, o anche più, ma sono rari. A capo del gruppo vi è di solito un blogger, chiamato blogstar, che guida il branco nel suo spostamento attraverso quello che è il suo habitat naturale, la piattaforma, e che difende gli altri membri da eventuali attacchi nemici. Combattimenti tra blogstars sono abbastanza frequenti e gli studiosi che si sono trovati ad assistervi ne hanno descritto la violenza in interessanti trattati scientifici. Nonostante ciò, la natura del blogger è mite, la sua attività preferita è la caccia, alla quale dedica gran parte della giornata, poiché da questa dipende la sua sopravvivenza. Particolarmente goloso di link, si alimenta anche con accessi e commenti: alcuni importanti esemplari arrivano a consumare anche 500 accessi al giorno, ma la maggioranza si deve accontentare di una ventina di commenti, strappati qua e là nell’arida piattaforma. Pur non avendo in natura nemici mortali, la specie è minacciata da alcuni pericoli da non sottovalutare, uno di questi è il delirio da onnipotenza, virus letale che attacca sovente il cervello del blogger, e, distruggendone le naturali difese autoironiche, porta inesorabilmente l’individuo colpito ad una fine di vuota desolazione. L’altra minaccia che potrebbe decretare l’estinzione del blogger è rappresentata dalla caccia: bracconieri senza scrupoli, catturano gli esemplari più belli per rivenderli in tristi librizoo di quartiere. Si spera che il wwf for blogger, recentemente nato dalla più famosa organizzazione, sia in grado, sensibilizzando l’opinione pubblica, di affrontare e sconfiggere il problema, assicurando sviluppo e continuità a questa preziosissima specie.

In casa————————-10-07-2006—–Tè per me ——————-21-10-2009Ff - Sentirsi a casaFf cinese che beve
Corrente alternata—-07-07-2009 Per mirtilli ——————14-11-2008
Ff torrenteFf - Sentiero alberato

Scritta in bianco nascosta
Forse ti potrà anche interessare:
+ Cos’hanno in comune Van Gogh, Petros Vrellis e Olga Kulakova? (11-02-2012)
+ La creatività e la felicità di vivere (06-02-2012)
+ Il mondo di Francesca, pittrice e blogger (21-12-2011)

5 thoughts on “La penna di Francesca blogger.

  1. Artista a tutto tondo, tanto da rendere spesso “indistinguibile” il confine tra il pennello e la penna. E ormai che il fare blog è del tutto demodé certi scritti (o meglio: quel tipo di scrittura) andrebbero ricontestualizzati (memoria e pensiero) in quel bellissimo fermento che furono. Insomma “roba fresca” di cui è facile sentire la mancanza.

  2. Giarina,
    onorato io di presentare questi preziosi reperti di una primordiale blogStar. E siccome una ciliegia tira l’altra, mi sa che di questa “roba fresca” ne farò una periodica rassegna. Il vestitino?Un altro tocco di classe.
    Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.